La dieta del biscotto: il regime alimentare ideale per i più golosi

cookies diet
 

Pubblicato il: 23/11/2019
Aggiornato il: 12/12/2019

Scritto da:

Mai sentito parlare della dieta del biscotto o Cookies Diet? Bene, allora sei capitato proprio nella guida giusta che fa per te.

Il termine “dieta” non è certo quello che provoca larghi sorrisi ma, se unito alla parola “biscotto” le cose, allora, potrebbero anche cambiare.

Infatti, per i più golosi arriva la cosiddetta “dieta del biscotto”, basata sulla sostituzione dei pasti principali con delle apposite barrette di un marchio specifico.

Durante il giorno, per tutti coloro che hanno sposato l’idea di dimagrire senza rinunciare al “dolce”, è ammesso un solo pasto light e, nel complesso, il regime alimentare dietetico prevederebbe, quotidianamente, un apporto calorico pari, al massimo, alle 1000 kcal.

Cookie Diet: i biscotti di Enford Siegal

E se già state cantando vittoria per la novità a base di “dessert”, è bene che ridimensioniate l’entusiasmo: di certo, non si tratta della dieta da seguire con i vostri biscotti preferiti, magari da inzuppare nel latte, ma chi deciderà di dire “addio” ai chili di troppo senza rinunciare al dolce, dovrà farlo con i “Cookie Diet”, le barrette energetiche che portano la firma dell’americano dottor Enford Siegal.

Ma quali sono le caratteristiche che le renderebbero così complete ed irresistibili?

Prima di ogni cosa sono un concentrato di proteine e, un altro valido motivo è rappresentato dal fatto che hanno un grandissimo potere saziante.

Secondo le indicazioni, quotidianamente ne andrebbero sgranocchiate ben sei e sarebbero fatte anche con alimenti quali latte e uova e, in più, carne.

Dieta Biscotto, Pasto unico: leggero e proteico

L’unico pasto extra che è ammesso per chi segue il regime alimentare “Cookie Diet” è sempre totalmente proteico e leggero: niente carboidrati ma un contorno fisso a base di verdure come piatto di accompagnamento a carne e pesce e, tra l’altro, consumati con modalità di cottura light.

Tra le scelte di carne è consigliabile il petto di pollo o tacchino preparato alla griglia o bollito. E, soprattutto, poco condimento!

Al vapore, bolliti o arrostiti, i secondi leggeri previsti dalla dieta ideata dal dottor Siegal, non devono mai indurre in tentazione chi segue l’alimentazione del biscotto: quindi, mai incontrare una friggitrice o pensare di usare burro ed altri ingredienti che non permetterebbero di ottimizzare i risultati.

E se vi state chiedendo se si dimagrisce davvero, la risposta è affermativa: definita come una vera e propria dieta-lampo promette di superare la famigerata prova costume!

Volete sapere quanto? Le statistiche parlano di una media di sei chili al mese che valgono il sacrificio da fare e la forza di volontà a cui si devono abituare tutti coloro che intendono provare “l’ebrezza” della “Cookie Diet”.

New York Times ha affermato:

‘è la dieta seguita da mezzo milione di persone che sperano di perdere peso senza fare sacrifici’.

Il totale calorico giornaliero è di circa 900 – 1000 calorie!

Cookie Diet: quanto costa?

E di certo non converrebbe seguire questo regime alimentare targato Siegal per “sfizio” dato che non si tratta di una dieta economica ma, al contrario, molto costosa. Avete circa 40 euro a settimana da spendere di tasca propria per comprare una scatola di barrette iperproteiche e per perdere circa 1.5 kg a settimana?

Ebbene sì, le barrette di Siegal hanno un costo di 37 euro, ma potete tirare un sospiro di sollievo dato che la “Dieta del biscotto” può essere seguita per massimo un mese e, quindi, ciò comporterebbe una spesa complessiva di circa 150 euro.

Attenzione però a non superare il periodo consigliato, onde evitare conseguenze sull’organismo.

“Cookies diet”: il successo a stelle e a strisce

L’America ha dato il “benvenuto” ai cookies in grande stile e, non appena pubblicizzata, questa dieta ha catturato l’attenzione e l’interesse anche da parte dei vip americani, sempre all’inseguimento della potenziale forma perfetta.

Adottata da star di calibro come Jennifer Hudson, Guy Ritchie, Kelly Clarkson, Kim Kardashian e Jessica Simpson, la Cookies Diet è una delle diete più amate negli Stati Uniti.

È chiaro che, però, i limiti di questo regime dietetico lo rendono adeguato solo per chi deve buttare giù qualche chilo in breve tempo e, contestualmente sono tali da permettere di far comprendere a chi deve affrontare un percorso dimagrante  che  è bene optare per altre diete più equilibrate e più sane e che, soprattutto, assicurino che la perdita dei chili di troppo sia definitiva.

Scopri altre diete

 

 

 

 

Commenti (0 commenti)

Scrivi un commento

Nome

Cognome

Nickname *

Email *

Commenta *

Articoli Correlati