Cronodieta: come funziona, vantaggi e piano alimentare

 

Pubblicato il: 21/12/2019
Aggiornato il: 24/05/2020

Scritto da:

La cronodieta è un tipo di dieta dissociata che si basa sulle variazioni ormonali dell’organismo umano durante l’arco della giornata.

Ideata nel 1992 da due medici italiani, la cronodieta è una strategia alimentare basata sull'orario di assunzione dei cibi, che studia i ritmi biologici.

Infatti, esistono ormoni che favoriscono lo smaltimento del grasso corporeo e l'acquisto di massa muscolare e altri che favoriscono l'accumulo di grasso corporeo e la perdita di massa muscolare.

Seguire un regime alimentare adeguato comporta la secrezione di uno o più ormoni, ma bisogna tenere debitamente conto del fatto che ogni organismo umano manifesta una naturale iper o ipo produzione di determinati ormoni.

 

Cronodieta: Piano alimentare quotidiano

Ci sono alcuni momenti della giornata in cui il nostro corpo produce naturalmente ormoni ed enzimi che bruciano i nutrienti in vari gruppi alimentari per produrre energia invece di immagazzinarli come grassi.

  • Colazione: ​​quando ci svegliamo, la colazione deve essere un pasto ricco di carboidrati e lipidi: pane, burro, uova, prosciutto, salsiccia e formaggi. Questo pasto deve saziare e consentire all’organismo umano di affrontare meglio tutta la giornata con più energia. Ecco un buon motivo per mangiare a colazione una baguette spalmata di formaggio o uova strapazzate con prosciutto.
  • Pranzo: principalmente proteine ​​animali e vegetali con una piccola porzione di carboidrati amidacei come mais, riso, pasta, patate o fagioli. Niente verdure (meglio lasciarli per la cena). Mangiare la frutta, i cereali e tutti gli alimenti ricchi di carboidrati semplici entro il primo pomeriggio. Secondo i fautori della cronodieta, i sali minerali contenuti nelle verdure, consumate durante il giorno, causano un aumento di peso e cellulite.
  • Snack pomeridiano: meglio optare per i grassi vegetali: avocado, olive, noci, burro di arachidi, miele o 30 grammi di cioccolato fondente.
  • Cena: questo è il pasto più leggero della giornata a base di pesce, crostacei, carni magre e una porzione di verdure verdi. Meglio evitare l'apporto di carboidrati nelle ore serali. Il profilo ormonale che si instaura nelle ore serali favorisce l'utilizzo dei lipidi a scopo energetico e la costruzione della massa muscolare durante la notte.

Ogni giorno, è consentito bere un bicchiere o due di vino rosso o champagne (altri vini è meglio evitarli in quanto sono troppo zuccherati). Inoltre, è possibile bere acqua naturale.

 

Cronodieta: vantaggi e aspetti positivi

Fondamentalmente, la cronodieta si basa sui seguenti principi: la colazione è il re, il pranzo è il principe e la cena deve essere povera.

I vantaggi e aspetti positivi della cronodieta sono:

  • consumare gli alimenti distribuendoli in 4-5 pasti quotidiani,
  • la colazione è il pasto più importante della giornata,
  • il pasto serale deve essere leggero e povero di carboidrati,
  • evitare l'assunzione di cibo durante le ore notturne.

Per godere degli ottimi vantaggi sono necessarie dalle 6 alle 8 settimane prima che il grasso scompaia o si riorganizzi.

Il consumo di un pasto equilibrato, oltre a mantenere relativamente costanti i livelli di glicemia e di insulina, rallenta la digestione e contribuisce a beneficiare di un maggiore senso di sazietà, evitando le abbuffate.

Uno studio della Virginia Commonwealth University ha validato la tesi che le donne che consumano a colazione un ricco pasto a base di carboidrati e grassi dimagrisce più velocemente delle donne che seguono un regime alimentare ipocalorico e a basso contenuto di grassi.

 

Cronodieta: contro

Dato che la cronodieta non impone la necessità di pesare i vari cibi e vi è una certa libertà nelle quantità di alimenti da consumare, la cronodieta è un regime alimentare sconsigliato per certi soggetti.

Inoltre, la cronodieta dà poco spazio ai gusti culinari del soggetto che si trova obbligato a mangiare in base alla fascia oraria della giornata.

 

Cronodieta: Schema menù settimanale

Ecco lo schema del menù settimanale della cronodieta da seguire ad hoc.

Lunedì:

  • colazione: pane, latte e marmellata
  • pranzo: pasta integrale con pomodoro
  • cena: pesce al forno con verdure

Martedì:

  • colazione: cereali integrali con latte di riso e un frutto di stagione
  • pranzo: zuppa di farro, lenticchie e tofu
  • cena: frittata con verdure

Mercoledì

  • colazione: biscotti e thè con latte
  • pranzo: pasta con verdure di stagione
  • cena: petto di pollo con insalata e pomodoro

Giovedì

  • colazione: latte, miele e fette biscottate
  • pranzo: riso con patate
  • cena: arrosto di vitello con verdure

Venerdì

  • colazione: pane, miele e latte
  • pranzo: pasta e ceci
  • cena: orata al forno con verdure

Sabato

  • colazione: thè, fette biscottate con marmellata
  • pranzo: pasta e patate
  • cena: bresaola con rucola

Domenica

  • colazione: latte d’avena con biscotti integrali
  • pranzo: zuppa con legumi, riso e piselli
  • cena: filetto di merluzzo con verdure.

 

Commenti (0 commenti)

Scrivi un commento

Nome

Cognome

Nickname *

Email *

Commenta *

Articoli Correlati

Dieta vegana e cobalamina: i consigli dei nutrizionisti

Pubblicato il: 22-12-2019

Scritto da: Jacqueline Facconti

Cosa mangiare a colazione vegan?

Pubblicato il: 29-12-2019

Scritto da: Jacqueline Facconti

Perché il vegano non mangia miele?

Pubblicato il: 05-01-2020

Scritto da: Jacqueline Facconti

Vesaola: cos’è il muscolo di grano?

Pubblicato il: 12-01-2020

Scritto da: Jacqueline Facconti